Profetismo e apocalittica in Dante


Autori: Nicolò Mineo,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Chesed
Genere:
Data di pubblicazione: 2015
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 312
ISBN: 978-88-6496-300-6

Acquista Libro - € 22
Abstract 

Se il dantismo recente si è orientato verso la restituzione di un Dante medievale in quanto teologo, filosofo e moralista, non sono mancate ricerche specificamente incentrate sugli aspetti mistico-devozionali della sua opera. In questa direzione è isolabile una linea dindagine suggestiva e molto feconda che ha restituito la figura di un Dante profeta o poeta-profeta e limmagine di un poema, la Divina Commedia, da ripensare come opera integralmente profetica. Nicolò Mineo, partendo dalle intuizioni di Foscolo e dalla teorizzazione di Bruno Nardi, costruisce una teoria rigorosa e sistematicamente impostata che coniuga la dimensione visionaria con quella profetico-apocalittica di Dante. Analizzando sotto questa luce lintera opera del poeta, con particolare riguardo alla Vita Nuova e alle Epistole «politiche», lautore propone una lettura della Commedia come racconto, nella forma dellallegoria poetica, di una visione culminante nel raptus sul modello paolino , largita a Dante per la sua personale salvazione e funzionale alla missione di illuminare gli uomini del suo tempo.

Dello stesso genere 
torna indietro