La scierà degli indipendenti


Autori:
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Lamed
Genere:
Data di pubblicazione: 2015
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 132
ISBN: 978-88-6496-184-2

Acquista Libro - € 12
Abstract 

Reintegrazione, Riparatore, Uomo di Desiderio: sono termini entrati nel vocabolario di diverse realtà iniziatiche, ma pochi conoscono il pensiero di colui che a questi concetti ha dedicato la vita. Il gentiluomo francese Louis-Claude de Saint-Martin (1743 – 1803), che pubblicò le sue opere con lo pseudonimo di “Filosofo Incognito”, è tuttora misconosciuto tra chi si occupa di spiritualità. Sorprende che fra costoro vi siano anche membri dell’Ordine Martinista, che fu fondato durante la belle époque dall’occultista Gérard Encausse detto “Papus” (1865 - 1916); l’idea era quella di promuovere le scienze occulte occidentali contro l’avanzare del materialismo e dell’ateismo. Tuttavia, nella genuina ricerca di una sintesi tra Tarocchi, Qabalah, Alchimia, Ermetismo etc., gli Ordini Martinisti hanno spesso perso di vista la loro stessa tradizione. Questo saggio si propone perciò, in poche pagine compatte, di riassumere l’essenza della vita e soprattutto del pensiero martinista, quale emerge luminosamente dagli scritti del Filosofo Incognito. Il Martinismo nasce infatti come una cosa semplice, ovvero la trasmissione non rituale di un’influenza spirituale, concretata nel monogramma SI. Il quale rimanda ad una misteriosa 'Società degli Indipendenti' teorizzata (e realizzata?) da Saint-Martin, nel suo romanzo iniziatico Il coccodrillo. Per essere Martinisti, a prescindere dall’adesione formale ad un Ordine, bisogna saper vedere nelle opere del Filosofo Incognito un diario del suo lavoro interiore, che lo ha portato dall’essere un ufficiale di reggimento di Foix allo scrivere testi che testimoniano una grandissima intuizione spirituale. La trasmutazione di quest’Uomo di Desiderio è anche la nostra, tenendo sempre a mente che la Verità è una terra senza sentieri e che il Martinista deve saper intuire l’Unità nell’apparente diversità che nasce dal pensiero dialettico e dai dogmatismi. In quanto Intimi di Saint-Martin, le pagine scritte da questo nostro Fratello nel corso della sua avventura umana parlano al nostro cuore, anche quando per l’uomo del 'torrente' suonino farraginose o addirittura incomprensibili: sappiamo dunque trarne stimolo e profitto per il nostro lavoro. In appendice, sulla base di documenti rigorosamente originali, verrà ricostruito il funzionamento rituale del primo Ordine Martinista, fondato da Papus nel 1891, da cui sono derivati tutti gli altri oggi esistenti.

Dello stesso genere 
torna indietro